La più antica fabbrica tessile della Calabria

Designers

Mauro Vincenzo Bubbico è nato a Montescaglioso (MT) nel 1957. Qui vive e lavora dal 1986 come grafico professionista. Il suo linguaggio grafico efficace e contemporaneo privilegia i temi dell’educazione ambientale e sociale, raccontando i territori con inconfondibile personalità. Si è diplomato in scenografia all’Accademia di Belle Arti di Firenze, ha lavorato come grafico progettista free lance e illustratore in diverse agenzie e studi grafici e in seguito ha collaborato a Matera con Mario Cresci. Dal 2007 è docente all’Isia di Urbino (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche).

 

Andrea Caligiuri. Studia e lavora nel sud Italia, in Calabria. Insieme a una formazione umanistica, opera periodi di apprendimento nel campo della comunicazione visiva con la frequentazione di alcuni studi di design grafico. La grafica e la fotografia, quindi, diventano presto gli strumenti ideali di esplorazione e conoscenza. Grazie ad una rete di collaborazioni, le pratiche culturali del proprio territorio diventano i principali oggetti di studio e ricerca, dal 2009 a oggi.

 

Sigrid Calon è un’artista visiva olandese che vive e lavora a Tilburg, nei Paesi Bassi, dove ha studiato all’Accademia di Belle Arti. È mossa dal desiderio di stabilire nuove connessioni e guardare in modo diverso ciò che diamo per scontato. Infinitamente curiosa, il suo lavoro rivela una curiosità ad ampio raggio e una continua ricerca su questioni di identità. Intuizione, razionalità e giocosità la guidano mentre cerca meraviglia e trova ispirazione nelle cose che la circondano. Le sue domande sono spesso filosofiche: qual è l’essenza? C’è una nuova verità? Le domande conducono a indagini e nuove scoperte mentre trasforma il caos in armonia e, sebbene per lo più visivo, una sorta di bellezza musicale.

Il libro di Sigrid Calon, “In misura di / | & – All’interno della griglia e oltre lo schema ”, è una chiave per la sua arte. Si è sviluppato dal suo interesse per il ricamo astratto. Nel libro esplora le relazioni numeriche e gioca a giochi combinatori con una gamma di colori limitata e accuratamente scelta. Ha sviluppato queste idee in un lavoro successivo, che include una serie di oggetti da parete che sono una traduzione delle idee dei libri in tessuti. Sigrid Calon lavora su una gamma di media diversi su scala ridotta, sempre rigorosa e giocosa, complessa e colorata. Sembra perfettamente a suo agio a lavorare anche su grande scala, spazzando i suoi colori e codici attraverso le superfici di pareti ed edifici. Passando da due a tre dimensioni, il suo lavoro diventa site-specific e lo spazio in cui crea la sua arte diventa parte integrante dell’opera stessa.

.

 

Serena Confalonieri è una designer indipendente e art director con sede a Milano. Lavora su progetti di design di prodotti, grafica e tessile e collabora con molte aziende italiane e internazionali. Le sue opere si collocano tra prodotto e graphic design: una ricerca accurata delle superfici è sempre presente nei suoi progetti. Dopo una laurea in Interior Design, ha iniziato la sua carriera lavorando in molte pratiche di architettura e design a Milano, Barcellona e Berlino, e collaborando con la Facoltà di Interior Design del Politecnico di Milano come assistente professore. Nel 2013 debutta alla Milano Design Week con il suo tappeto Flamingo, prodotto da Nodus. Negli anni è stata selezionata per residenze di design e workshop in Italia e all’estero (New York, Messico, Portogallo), i suoi lavori sono stati pubblicati da importanti quotidiani e riviste (The New York Times, Corriere della Sera, Il sole 24 ore, Wallpaper , Interni, Ottagono, L’Officiel, Elle Décor …), ha vinto premi come Menzione Speciale ai Young & Design Awards 2014 e ai German Design Awards 2016 e le sue opere sono state esposte in luoghi importanti come La Triennale di Milano e Galleria di Rossana Orlandi.

 

Gennaro Di Cello. Dopo la formazione al DAMS di Bologna ha approfondito la conoscenza del management del non profit. Nel 2001 ha fondato la cooperativa sociale Inrete, attiva nell’area della comunicazione e dell’innovazione sociale e culturale. È tra gli animatori di “Dinamismi Museali. Festival di pensiero contemporaneo” 1997-2007 (Premio Cultura di Gestione 2001, finalista Premio Guggenheim 2001, Premio Biennale Italia “Design degli eventi, 2008). È Presidente di Arci Calabria e di Talia Impresa Sociale. Nel tempo libero coltiva la passione per la progettazione grafica e la comunicazione visiva.

 

Giulio Iacchetti si occupa di industrial design dal 1992 collaborando con marchi quali Abet Laminati, Alessi, Danese, Casamania, Fontana Arte, Foscarini, Magis, Meritalia, Moleskine. È curatore di mostre scaturite da riflessioni su diversi temi di progetto come la croce da cui è nata “Cruciale” e il food-design da cui è nata “Razione K, il pasto del soldato in azione”, prodotta dalla Triennale di Milano nel gennaio 2015. Diversi i premi conseguiti tra cui due Compasso d’Oro: nel 2001, con la posata multiuso biodegradabile “Moscardino”; e nel 2014 con la serie di tombini Sfera progettati per Montini. Nel maggio 2009 la Triennale di Milano ha ospitato una sua personale intitolata “Giulio Iacchetti. Oggetti disobbedienti”..

 

Emilio S. Leo (1974), laureato in architettura. Chairman e Creative director del Lanificio Leo, la più antica fabbrica tessile attiva in Calabria, si occupa di dinamiche di sviluppo applicate alla tradizione e alla dimensione territoriale della periferia, dinamiche che cercano di coniugare le potenzialità intrinseche dei processi a bassa tecnologia ma con alto potere identitario, con una visione design-oriented. È stato Selezionato da Andrea Branzi nel 2006 per New Italia Design (Triennale, Milano) e nel 2009 ha ricevuto il premio “Toyp Italia Business 2009” della Junior Chamber International.

 

Angela Lorenz. Print designer with a substantial technical background in pre-press. Free- lancing since 1993, from 1998 on mainly for clients in music and culture. Over the last couple of years increasingly working with non-print media as well. Oppure Angela Lorenz defines the visual language of experimental and electronic music for small and mid-sized independent labels worldwide, including Staalplaat in Amsterdam, Fällt Publishing in Belfast, Orthlorng Musork in San Francisco, Ritornell/Force Inc./Mille Plateaux in Frankfurt/Main, and Kitty-Yo in Berlin. Her work, influenced both by the possibilities of generative design and the techniques of digital music production, spans print design, screen design, and programming.

 

Maria W.Nielsen (Copenaghen 1974)è una textile designer.Ha studiato grafica in Danimarca e Germania. Si trasferisce in Italia nel 2005 e collabora con aziende attive nel mondo del design. Dal 2009 ricopre la figura di fashion graphic designer presso una nota casa di moda milanese. Con lo stilista austriaco Arthur Arbesser ha lanciato nel 2012 la linea di t-shirt Wilhelm Walter, un progetto che fonde le moderne tradizioni scandinava e mitteleuropea con il gusto contemporaneo.

 

 

Aldo Presta. Socio Aiap / Designer, direttore creativo lacosa.net / Responsabile Linea ricerca design della comunicazione, Laboratorio Filosofia del Linguaggio, Università della Calabria / Coordinatore progetto Redesign Calabria, Sensi contemporanei. Opere e progetti in rassegne e musei tra cui: Museo dell’affiche politica, Mons; Biennale Grafica, Brno; Museo Pubblicità, Parigi; Modern Italian Poster, Ogaki Poster Museum, Giappone; The new italian design. Il paesaggio mobile del design italiano. La Triennale di Milano.

 

Nel 2012 inizia a lavorare come freelance e cura progetti di rebranding, design editoriale, infografica e illustrazione per clienti come Eni, Zucchi, Bassetti, Moleskine, Lanificio Leo, Rubbettino, La Stampa, Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, la Gazzetta dello Sport. È Art Director della comunicazione del Lanificio Leo dal 2014 e per loro progetta il nuovo brandbook/lookbook aziendale, candidato al Compasso d’Oro 2017, sempre in quell’anno vince la medaglia d’oro per la migliore infografica digitale del SPD Award (The Society of Publication Designers) progettata per La Vita Nova per Ipad del Sole 24 Ore. Vive e lavora tra Milano e Bolzano, dove dal 2014 è ricercatore e docente aggregato in Graphic Design e Visual Journalism presso la Facoltà del Design e Arti della Libera Università di Bolzano. Dal 2015 insegna Brand Design presso l’Istituto Europeo del Design di Torino (IED Torino). Fondatore e art director di Studio Eremo.

 

Studiocharlie è stato fondato nel 2002 da Gabriele Rigamonti, Carla Scorda e Vittorio Turla. Ha ricevuto nel 2004 la Menzione d’Onore al XX Compasso d’Oro ADI con il carattere tipografico Csuni. Disegna per: Atipico, Billiani 1911, Boffi, Bonacina 1889, De Padova, Designercarpets, Lanificio Leo, Lema, Made a Mano, Mipa, Nemo, Salvatori. Si occupa anche di progetti editoriali e culturali sul tema del design. Nel 2018 vince il Compasso d’Oro ADI con la famiglia di rubinetti Eclipse per Boffi.

 

Esther Van Schuylenbergh è un designer con un Master in Textile Design presso la School of Arts di Gand, in Belgio. Dopo la laurea nel 2014, ha lavorato come designer tessile per un’azienda belga di rivestimenti murali fino a quando non ha aperto il suo studio di design con sede a Gand nel 2016. Nel suo studio sviluppa tessuti intrecciati adatti per applicazioni di interior design sul suo telaio a mano, sforzandosi di spingere i confini della tecnica di tessitura ed esplorare le possibilità di filati e costruzioni per creare strutture innovative.